Come ristrutturare rispettando l'ambiente


Il primo intervento da programmare per ristrutturare rispettando l’ambiente è quello più semplice ma anche più efficace: la sostituzione dei serramenti. La qualità dei serramenti infatti influisce in buona parte sull’isolamento termico e acustico dell’edificio. La sostituzione di serramenti superati, usurati, a vetro singolo o con spifferi con serramenti di ultima generazione, ben isolati e con doppi e tripli vetri da sola più rappresentare una svolta per ottenere sin da subito un migliore controllo nella temperatura della casa e una riduzione dell’inquinamento acustico.
Si tratta, oltretutto, di un intervento semplice, che non richiede lavori di muratura e che può essere effettuato in tempi brevissimi.

Il secondo passo sulla strada verso una casa più confortevole ed ecologica è rappresentato dagli interventi sull’impianto di riscaldamento, nel dettaglio:

  • Sostituzione del vecchio impianto di climatizzazione con un impianto con pompa di calore e a basso consumo energetico

  • Cambio della caldaia con una più moderna e performante, in grado di ridurre i consumi e – quindi – anche di garantire un significativo risparmio economico.

  • Rimpiazzo del vecchio impianto di riscaldamento a caloriferi con un impianto a pannelli radianti (cioè con un impianto di riscaldamento a pavimento). Questo tipo di impianti infatti hanno una temperatura di esercizio molti più bassa rispetto ai vecchi caloriferi e allo stesso tempo regalano un maggiore comfort e una maggiore uniformità di calore all’interno della casa. Niente più zone torride accanto al calorifero e aree gelate quando invece si è lontani dal termosifone: un impianto di riscaldamento a pavimento offre lo stesso piacevole tepore in tutta la casa, riducendo anche i consumi.